25 novembre: stop alla violenza contro le donne. Gli eventi nel nostro Paese

0
25novembre

Dal 1999 il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, voluta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La data fu scelta in ricordo delle tre sorelle Mirabal, uccise nel 1960 perché avevano tentato di contrastare il regime di Rafael Leònidas Trujillo, che per oltre trent’anni governò da dittatore la Repubblica Domenicana.

Anche quest’anno in molte città italiane si terranno eventi a tema, per sensibilizzare su un fenomeno che purtroppo non conosce battute d’arresto. Secondo i dati Istat il 35% delle donne nel mondo, solo nel 2015, ha subito una forma di violenza; in Italia sono 6 milioni 788 mila ad esserne state vittime, almeno una volta nella vita. Quest’anno sono state uccise 116 donne, da mariti, fidanzati, compagni o altri parenti. Lo scorso anno erano state 128.

manifestoPer dire basta al femminicidio il 26 novembre a Roma si terrà la manifestazione nazionale promossa dalla rete Non una di Meno. L’appuntamento è alle 14.00 in piazza della Repubblica. «La violenza maschile sulle donne – come spiegano dal comitato promotore di Io Decido, Donne in Rete contro la violenza e Unione Donne in Italia – non è un fatto privato né un’emergenza ma un fenomeno strutturale e trasversale della nostra società, un dato politico di prima grandezza che affonda le sue radici nella disparità di potere fra i sessi». La riflessione sul tema proseguirà il 27 novembre, con un’assemblea pubblica che si presso la facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza, in via dei Marsi 78. Per approfondire: https://nonunadimeno.wordpress.com
Per il 25 invece l’appuntamento romano è alla Casa del Cinema, dove alle 15.30 sarà proiettata la pellicola Anna, film diretto da Charles Oliver Michaud; a seguire ci sarà un dibattito sul tema con Veronica Nicotra, Segretario Generale ANCI, Paola Lattes, Laura Vassalli, Amalia Daniela Renosto, Luis Saint Arnaud, Anna Mouglalis, Loretta Bondi e Lia Migale.

A Milano, il 25 e 26 novembre, la Galleria Vittorio Emanuele ospita un laboratorio per imparare a riconoscere i segnali tipici della violenza. Lo slogan è “Stanne fuori”, ed è organizzato dagli studenti dell’Istituto Europeo di Design IED.
Presso lo Spazio Oberdan di viale Vittorio Veneto 2, il 25 novembre alle 18.30, sarà proiettato il documentario Wall of Dolls, il muro delle bambole contro la violenza, un’installazione artistica realizzata da stilisti, artisti e associazioni che da tre anni è diventata uno dei simboli della lotta al femminicidio. Fra le testimonial ci sono Lucia Annibali e Valentina Pitzalis, sopravvissute alla violenza.
Dal 25 al 27 novembre presso l’Unicredit Pavillon torna anche il WeWorld Film Festival, giunto alla settima edizione, che porta alla ribalta il tema della condizione delle donne in italia e nel mondo, con una serie di appuntamenti gratuiti, fra proiezioni in anteprima, spettacoli teatrali e musicali. Per approfondire: www.weworld.it/come-e-dove-interveniamo/a-favore-delle-donne/weworld-film-festival-2016/

A Torino l’appuntamento per il 25 è al Palazzo Civico, dalle 10.00 alle 13.00, con le testimonianze di violenza domestica a cura dei Vigili di Prossimità della Polizia Municipale, delle responsabili dei centri antiviolenza e della Casa rifugio cittadina. Dalle 15.00 alle 18.00 in piazza Castello ci sarà Pupilla Noi, installazione-performance di arte pubblica coordinata da Raoul Gilioli con la partecipazione del liceo scientifico Cattaneo.
Il 28 novembre invece si parlerà dei figli delle vittime di femminicidio e violenza nella Sala Colonne, dalle 15.30 alle 17.30.

A Bologna fino al 3 dicembre va avanti il Festival La violenza illustrata, giunto all’undicesima edizione, una sfida per parlare della violenza sulle donne, del sessismo e della discriminazione senza mostrare corpi scomposti, sangue o immagini che feriscono, ancora una volta, il corpo delle donne.
Per approfondire: http://festivalviolenzaillustrata.blogspot.it/

A Napoli prende il via la rassegna Svergògnati, una narrazione collettiva sulla figura femminile, libera da stereotipi e artefice del proprio destino e della propria felicità. Ad inaugurare l’evento, il dibattito Tra comunicazione e informazione la responsabilità delle parole, alle 9.30 nella sede di Assostampa.
L’ospedale Cardarelli apre invece le porte del Centro Dafne, il pronto soccorso rosa, per individuare precocemente i segni di violenza domestica.

A Firenze, alla Limonaia di Villa Strozzi dalle 18.00 alle 21.00, l’appuntamento è con il reading Filo Rosso, tratto da Sono ancora viva di Elena Guidieri e Chiara Brilli, e il monologo di Monica Bauco da Non dire niente a cura delle associazioni Nosotras e Artemisia.

A Palermo è un contest fotografico che celebra la giornata del 25 novembre. Il titolo è Una sciarpa rossa contro la violenza, che si terrà nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali a partire dalle 9.30.

A Cagliari, in piazza Costituzione dalle 9.00 alle 13.00 ci sarà un gazebo informativo per sensibilizzare sul tema della violenza di genere, mentre alle 17.00 ci sarà una conferenza pubblica dal titolo Dalla parte delle donne.
Gli appuntamenti: www.comune.cagliari.it

A Trieste si svolge la quarta edizione di Io No, dalle 10.30 alle 13.00 del 25 novembre, in piazza Goldoni: oltre 150 metri di tele saranno cucite insieme per comporre un manifesto contro la violenza di genere, che poi attraverserà la città fino a Piazza Unità, dove sarà osservato un minuto di silenzio per le vittime di femminicidio.

La Federazione Italiana Kickboxing, Muai Thai, Savate e Shoot Boxe ripropone il progetto Colpita, affondato, in collaborazione con la Polizia di Stato, nelle oltre 50 strutture affiliate in Italia, che fino al 30 novembre terranno corsi e stage gratuiti di difesa personale.
Per saperne di più: www.fikbms.net/it/event/corsi-gratuiti-di-autodifesa-per-le-donne-18-30112016-tantis/db77f381-95d8-4d56-a10a-5a36a94dd1fd

Infine anche il mondo della musica al femminile si schiera concretamente contro la violenza sulle donne con Amiche in Arena, cd e dvd che racchiudono canzoni e immagini del concerto del 19 settembre scorso tenutosi all’arena di Verona; una serata che ha visto la partecipazione di Loredana Bertè, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Elisa, Alessandra Amoroso, Emma, Patty Pravo, Irene Grandi, Nina Zilli, Irene Fornaciari, Bianca Atzei, Elodie, Antonella Lo Coco, Aida Cooper. Il ricavato potrà finanziare 10 progetti a sostegno di centri antiviolenza.

di Ilaria Romano

No comments